Blog

Fresh Farm Blog

Ultimi post

La giacca perfetta per il concerto del gruppo che ti sta sulle balle

E’ capitato a tutti almeno una volta nella vita. Il fidanzato, il migliore amico, la sorella, ti hanno circuito malamente
con ricatti malevoli e ti tocca partecipare al concerto di quel gruppo che proprio
ti sta sulle balle.

Non lo sopporti, sei talmente selettivo che alla prima nota per radio

non cambi stazione ma scendi dalla macchina e premendo triangolo

cerchi di rubarne un’altra per strada, ma questo weekend

nulla ti salverà dal supplizio.
Eccoti una pratica guida per scegliere la giacca perfetta per questo evento nefasto, evitando di agonizzare in balia degli elementi.

 
 

-Il concerto heavy metal

 

A te gli eventi di massa stanno proprio sul mazzo. Anzi, sei decisamente agorafobico, e pensare di buttarti in mezzo ad una massa di cercopitechi vestiti di borchie che oscillano la testa a tempo e si spintonano ti entusiasma come se a Don Lurio chiedessero di fare a mazzate pese con Tyson.

Insomma, un massacro.

La giacca perfetta per questo evento è decisamente uno shell in gore-tex.
Puoi dimenticarti l’imbottitura, l’utilizzo dei corpi a te contigui come fonti di calore ecologiche

è un’ottima via per giustificare la tua presenza al concerto.
Sicuramente l’utilizzo del gore-tex ti proteggerà contro i litri di birra maldestramente versati nel pogo, se non altro fino al momento in cui ti lascerai sopraffare dal ritmo viscerale e comincerai a pogare come un caimano anche tu godendoti la grandissima traspirabilità di questo capo.

 

 
 

-Il concerto indie

 

Più insipido di un’insalata di polistirolo, più anonimo dell’anonima sequestri il concerto indie rappresenta il tuo altare del sacrificio in questa serata.
Amante della rapsodia sei costretto a lobotomizzarti in un susseguirsi di arrangiamenti piatti e testi finto aulici che incendiano l’ego culturale dei partecipanti quando riconoscono una citazione, circondato da automi che fingono di divertirsi cercando l’angolazione migliore per farsi scattare una foto rigorosamente flat e desaturata.
La giacca perfetta per questo clima freddo ed umido è un capo molto imbottito, in grado di tenere il calore dei virtuosismi all’interno in modo da non venirne privato.
Perfetta per le occasioni nelle quali ci si muove poco ed in ambienti ostili, la giacca pesante denominata very hot sarà il tuo asso nella manica quando proverai ad abbordare una ragazzetta alternativa e verrai investito da una folata gelida di pensieri di altri, ritrovandoti a cercare nelle ampie tasche la personalità perduta della fanciulla.

 
 

-Antonello Venditti

 

 

Ho detto Venditti ma avrebbe potuto essere il Liga, Vasco, Biagio, Mango (oddio forse è tardi), insomma qualsiasi cantautore italiano al di cui concerto stai andando con tua mamma.
Oltrepassi i tornelli con occhi disillusi, ti prepari alle prossime due ore di accendini che oscillano e signore attempate che chiedono dei bis come se fossero alla sagra dei tortelli. Nell’orecchio, di nascosto, hai una cuffia con la sigla di Ken Shiro versione power metal. Nel cuore porti il tuo dolore.

 

 

La giacca perfetta per questo evento è un capo dall’imbottitura intermedia, ideale per acclimatarsi in un ambiente rigido che non ti appartiene. Potresti pensare alla giacca pesante come capo ideale, ma alle prime note di Amici Mai ripensi a quando limonavi la prima fidanzatina sulle scale della scuola e le dedicavi pezzi sdolcinati, cominci a scaldarti.
A fine serata asciugandoti le lacrime ringrazierai tua madre.
Fregato.

 

 -Il cantante pop belloccio ed alla moda

 

Il Kraken di qualsiasi appassionato di musica e, in senso lato, di belle cose. La fidanzata o la sorella ti hanno pregato per mesi di accompagnarle al concerto della star del momento, e sei già pronto a piangere per un paio d’ore.
Ti invito a riflettere accuratamente su due aspetti della cosa. Il primo aspetto è che solitamente questi concerti durano una mazza, sti cantantuncoli è tanto se hanno fatto uscire quattro singoli. Il secondo aspetto è che sti concerti sono murati di gnocca. Per questo il capo ideale per partecipare a questo evento è una giacca light priva di imbottitura in grado di contenere sbalzi termici ed ormonali. Regolando adeguatamente la tua temperatura diventi meno sgamabile dall’eventuale fidanzata, che probabilmente si insospettirà comunque davanti alla tua insistenza nel volerla portare al prossimo concerto.


 In questo viaggio nel mondo musicale abbiamo imparato a scegliere la giacca migliore a seconda del clima, ma che bello sarebbe capire alla perfezione che pantalone abbinare nel caso dobbiate fare presenza ad un aperitivo invitati da gente che non vedete da anni?
Scopritelo qua!

 

 
...   read more


Pubblicato in data: 23-08-2019

Le lenti della maschera, tutto ciò che forse sai o forse no

 

Da fine Febbraio ad inizio Ottobre qui alla Farm si verifica un fenomeno singolare. La mia postazione si trova in posizione perfettamente frontale rispetto alla porta, che, essendo vetrata, fa entrare una notevole quantità di luce. Soltanto che ci parcheggiamo le auto davanti. E poi il sole riflette su cofani e vetri, indovinate dove? Ma è ovvio, direttamente nelle mie pupille, sparando raggi laser che al confronto un Gundam sembra la pistolina della cassiera al supermercato.
Dopo aver subito una mutazione della struttura genomica per colpa della luce dando origine ad un nuovo tipo di supereroe dal corpo di uomo e testa di ca**o mi sono deciso ad imparare qualcosa su lenti ed assorbimento dello spettro luminoso, se non per salvaguardare la mia salute (già compromessa) almeno per sfoggiare una conoscenza superiore con voi plebaglia.
Partiamo a svelare il mondo delle lenti per le mascherine da snowboard!

 

 

 

Come sono fatte le lenti

 Le lenti per la maschera da snow si suddividono in due macro categorie.
Le lenti singole hanno un solo layer solitamente in materiali sintetici come policarbonato, e sono presenti solo su maschere estremamente economiche.
Le lenti doppie hanno una seconda lente interna incollata a quella principale a distanza di pochi millimetri, questo permette la creazione di una camera d’aria tra le due lenti che ha la proprietà di ridurre la differenza termica tra esterno ed interno della lente, riducendo di molto l’appannamento.

Le lenti possono essere cilindriche o toriche (sferiche per voi analfabeti).
Le lenti cilindriche sono più minimali ed eleganti, ma distorcono maggiormente l’immagine.
Le lenti sferiche sono fatte apposta per ottenere maggior nitidezza dell’immagine, e sono davvero tamarre e di solito costano di più.

 


I trattamenti applicati alle lenti

 Le lenti di per sè sono pezzi di plastica trasparente e senza trattamenti appositi andreste in giro a farvi sciogliere le retine come marshmellows.
Quindi le vostre lenti vengono:
-colorate: una diversa colorazione avrà un diverso assorbimento luminoso. Praticamente quando “vedi giallo” o “vedi verde” non è colpa del panino che hai mangiato al rifugio, è il filtro e a seconda dell’intensità dello stesso i vostri occhi rimarranno più o meno fulminati dai cofani delle macchine parcheggiate davanti al negozio.
-rese antiriflesso: il fastidioso riverbero interno alla lente delle immagini viene eliminato con questo trattamento. Vi eviterà di sentirvi dentro la sala degli specchi del luna park.
-trattamento antifog: la lente interna, quella rivolta verso il vostro faccione, viene trattata per evitare l’appannamento. Se lasciate inumidire la maschera o sudate come mufloni questo trattamento si arrende e sono cacchi vostri.
 
-polarizzate: la polarizzazione avviene solo su lenti di altissima gamma, sostanzialmente blocca la luce che proviene da diverse direzioni per colpa del riverbero e lascia libero il passaggio solo ad un fascio uniforme. Non allertate i compagni, parliamo di fascio luminoso.
In questo modo la visione è più nitida e definita.
-trattate contro i raggi UV: le lenti vengono schermate contro i nocivi raggi UV che danneggiano la vista. A seconda dell’intensità del trattamento la schermatura è più o meno totale.
-specchiate: il trattamento specchiato blocca gran parte della luce in entrata, diminuendo di molto la luminosità ambientale aumentando il comfort in situazioni di luce forte.Il livello di assorbimento della luce viene schematizzato in quattro livelli, da S1 ad S4.
La S1 è una lente praticamente trasparente con filtro giallo, arancio o rosa; questi colori stimolano la percezione dei contrasti nell’occhio, e l’assenza di specchiature permette di vedere discretamente nel brutto tempo.
Via via crescendo si arriva alle lenti S4 con filtro scurissimo e quasi sempre specchiate; queste restituiscono una visuale molto buia, sono adatte alle giornate estive in ghiacciaio oppure quando il sole pieno è frontale.

 


Le lenti foto-cromatiche

Oltre a tutte queste bellissime caratteristiche le lenti possono anche essere foto-cromatiche.
Ma che diavolo vuol dire? Tramite un trattamento apposito la lente diventa sensibile alla luce (SI PROPRIO COME I MIEI OCCHI A STARE QUI DAVANTI!) e si scurisce mano a mano che la luce aumenta di intensità. Questo non vuole dire che passerà da chiarissima a scurissima nel giro di un secondo, l’adattamento è studiato per offrire la luminosità giusta mano a mano che cambia la luce della giornata.


La cura della maschera

Oltre ad assicurarti di pulire la lente solo con il pannetto in dotazione (se la graffi pulendola con la carta vetrata sono cacchi tuoi) ci sono un paio di accorgimenti per evitare di trovarti i pesci rossi tra le due lenti.

Mai mettere via la maschera insieme al para-collo o casco sudati.

Prima deve asciugare tutto.

Evitare che la neve si fermi sulle prese d’aria superiori della maschera.

Finirebbe per colare dentro le lenti.

Non togliere e mettere continuamente la maschera durante la giornat
a.
Favorisce l’appannamento.

Non desiderare la donna d’altri.

L’ultimo l’ho rubato ad un altro autore,non fateci caso.


Conclusioni

Parametri come trattamenti UV, antiriflesso, antigraffio e polarizzante sono indice di qualità della lente stessa e, seppure influiscano sulla visione, rappresentano una scelta di qualità e non riguardante il tipo di utilizzo. In poche parole se hai i soldi prendi quelle con tanti simbolini.
La maschera va scelta quindi in base alle condizioni di luce che andremo ad affrontare.
Ormai numerosi marchi offrono due tipologie di lenti con l’acquisto di una sola maschera, la prima lente più adatta a condizioni di luce forte abbinata ad una Persimmon (gialla trasparente) per le condizioni di luce scarsa o brutto tempo che ti evita di schiantarti come un moscerino sul parabrezza appena comincia a nevicare.
Lenti ad alta schermatura sono indicate per chi fa uscite in ghiacciaio od in condizioni di luce molto forte, mentre la possibilità di avere una lente foto-cromatica rende possibile affrontare condizioni di luce molto varie senza dover cambiare lente, o maschera, nel corso della giornata.

 

SCOPRI DI PIU' SULLO SNOWBOARD

Hai imparato la lezione? Diventa un maestro jedi sulle tavole e stupisci gli amici al bar sbattendo l'articolo sulla loro bacheca Facebook ed espandi la tua conoscenza dando una letta agli altri articoli sulla storia su Burton o l'utilizzo delle protezioni.

 
...   read more


Pubblicato in data: 20-06-2019

K2

 

 

 

Se hai l’ardore di chiamare la tua azienda K2 può voler dire solo due cose. O sei talmente remissivo da accontentarti di arrivare secondo oppure alla banalità della vetta più alta del mondo, quella più gettonata e raggiunta, preferisci il brivido dell’incertezza e la difficoltà del raggiungere un panorama dove molti meno possono dire di essere stati.

 

GLI INIZI

La nostra storia, o meglio, quella di K2 inizia poco dopo la fine della seconda guerra mondiale. Le bombe avevano da poco finito di fischiare su quei campi di battaglia che Bill Kirschner non aveva mai conosciuto, a causa di un problema all’occhio che lo aveva reso inadatto al combattimento. Insomma tipo Guè ma senza musica demmerda.
E direi che è andata bene così, al posto di finire come un colabrodo su qualche spiaggia francese o giapponese questo ragazzo si laurea in ingegneria e porta nuova linfa al business di famiglia. I Kirschner producevano da parecchio tempo gabbie per animali (Bill faceva il tester) e stecche per aiutare le bestiole con le fratture, e l’avvento della plastica come nuovo materiale aveva dato una bella spinta all’evoluzione della piccola azienda.

Il vulcanico Bill, che non voleva passare la sua vita a fare il dog sitter e collaudatore di gabbie, puntava decisamente più in alto. Una delle sue passioni, mentre i suoi coetanei cercavano di trasformare in sashimi con le loro baionette soldati giapponesi, era sicuramente sciare. Ma gli sci dell’epoca in legno e cattive intenzioni erano decisamente poco performanti, poco moderni, Bill lavorava tutti i giorni con plastiche e fibre e si chiese “ma se li facessi in fibra di vetro?” Uè Bill, stai buonino che in Austria sono cinque anni che hanno inventato sta roba.
Come dici? Ai tuoi tempi non c’era SkyTG 24 e Facebook lo avrestI cagato zero perchè le ragazze le conquistavate a colpi di winchester quindi la notizia non ti era mai arrivata?
Vabbè dai sei scusato, comunque tiratela di meno che non li hai inventati tu.

In poche parole Bill si inventa il primo paio di sci in fibra di vetro (non proprio il primo ma amen) ed usa la famiglia come tester per verificare la bontà del prodotto, e vendicarsi dei tempi in cui gli facevano passare notti col culo al freddo per testare le gabbie. I primi prototipi di sci si aprivano con la meschinità della millefoglie quando vai al bar e non puoi assolutamente sporcarti la camicia, ma per fortuna Bill aveva tanti fratelli e sacrificarne quattro o cinque per la causa non rappresentava un enorme problema.
Dopo aver decimato la famiglia finalmente azzecca la costruzione giusta, il primo anno vende 250 coppie il secondo 1600 e l’anno dopo ancora saluta papà e mamma (unici superstiti della famiglia) fondando un’azienda tutta sua con blackjack e squillo di lusso. 

 

 

L'EVOLUZIONE

Un altro anno e le paia di sci diventano 21000, l’azienda passa da un tizio (Bill) che fa le robe a mano a realtà da 83 dipendenti, con il sogno di costruire uno sci capace di conquistare una coppa del mondo. Gioco facile per quel cervellone di Bill ed i suoi ragazzi, il prototipo appena scodellato fuori dai macchinari raggiunge il primo posto in una gara di slalom gigante di Coppa del Mondo, la prima vittoria in assoluto per uno sci fatto in america. Questa vittoria sarà un volano incredibile raddoppiando ogni anno le vendite facendo la fortuna di Bill, che però resta umile e continua a pensare a nuovi campi nei quali espandere la sua azienda.

Saltiamo rapidi al 1988.
Se pensiamo che in Italia viene presentata la Fiat Tipo ed in America invece K2 comincia a produrre una delle linee di snowboard più innovative di sempre un pelo di rabbia mi sale.
Cosa avremo fatto di male per meritarci quel bidone di macchina? Vabbè, tralasciando le grandi delusioni storiche il team K2 (basta dare credits solo a Bill, e che cavolo) comincia quindi a produrre snowboard. Sti snowboard vanno decisamente da paura, grazie al know how accumulato nella produzione di sci ed anche alla trovata di fare tavole più larghe a seconda del piede e tipo di utilizzo.

(K2 FAT BOB)

 

INNOVAZIONI

Ebbene si, fino alla K2 Fatbob gli snowboarder con il piedone erano destinati al cricket.
K2 crea a tutti gli effetti il concetto stesso di tavola Wide. Quando altri brand vi raccontano delle loro incredibili trovate fate un passo indietro e pensate che senza K2 tutti i vostri amici con il 46 sarebbero a casa a cercare di farsi la vostra ragazza mentre voi siete sulla neve. E se quello che dicono su chi ha i piedi grandi non è una falsità...Il 1995 è un ottimo anno per K2, che vede l’introduzione di due grandissime innovazioni.
La prima è uno sci intelligente che si irrigidisce alle alte velocità grazie a materiali piezoelettrici, la seconda è il papà di tutti gli attacchi a sgancio rapido moderni.
A noi dello sci frega una mazza quindi vediamo la seconda invenzione.
Nasce il K2 Clicker, che riesce a regalare un feeling molto simile ad un setup classico aumentando la facilità di sgancio ed aggancio a livelli sconosciuti prima. Il sistema funziona benissimo, fa felici migliaia di snowboarders finchè qualcuno decide di copiarlo male.
Ma è un’altra storia, e non la racconteremo qua. Il team di pro nazionali ed internazionali aumenta costantemente vincendo medaglie su medaglie, spaccando montagne di culi negli spot più fighi del mondo e comparendo nei video iconici che hanno segnato un’epoca dello snowboard, mentre ogni anno la linea si rinnova inseguendo novità tecniche e di materiali in maniera sempre pionieristica. Tra i primi brand a piazzare il carbonio nelle sue tavole, lancia negli ultimi anni la rivoluzione volume shift applicata al mondo del carving e fresca regalando nuove sensazioni a tantissimi riders che continuano a scegliere il brand americano per le loro allegre avventure sulla neve.
Rileggendo potevo finire in modo molto più epico ma non ne avevo mezza voglia, quindi chiunque abbia un finale alternativo può scrivere a info@nonhochiestoiltuoparere.it

SCOPRI DI PIU' SULLO SNOWBOARD

Hai imparato la lezione? Diventa un maestro jedi sulle tavole e stupisci gli amici al bar sbattendo l'articolo sulla loro bacheca facebook ed espandi la tua conoscenza dando una letta agli altri articoli sulla storia di  Burton o su l'utilizzo delle protezioni.

 

 
...   read more


Pubblicato in data: 19-06-2019

17-06-2019
null

tags: L'abbigliamento tecnico
13-06-2019
null

tags: Snowculture
10-06-2019
null

tags: Snowculture
30-05-2019
null

tags: Manutenzione dell'attrezzatura
28-05-2019
null

tags: Manutenzione dell'attrezzatura
28-05-2019
null

tags: L'abbigliamento tecnico
Back to Top